4 Febbraio 2024
10:00

Si può andare in montagna in gravidanza?

Passare del tempo in montagna durante la gravidanza è sicuramente un' ottima soluzione per fare delle vacanze riposanti, ma anche per passeggiare un po'. L'altitudine, sotto i 2000 metri, non è pericolosa in caso di gestazione fisiologica. E' necessario prendere delle precauzioni se esistono dei problemi di salute, dall'ipertensione al diabete, che devono essere valutati dal ginecologo.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Wamily
10 condivisioni
Si può andare in montagna in gravidanza?
montagna in gravidanza

Andare in vacanza in montagna in gravidanza non è vietato. Passeggiare, stare all’aria aperta e magari riposarsi un po' può essere un buon modo per godersi la gestazione e prepararsi all'arrivo del bambino. É pericoloso? Non ci sono rischi particolari legati all’altitudine per le mamme in attesa. É vero, però, che le donne rispondono in modo diverso alle alte quote durante la gravidanza.

I sintomi del mal di montagna sono spesso simili ai tipici disturbi della gestazione – vertigini , mancanza di respiro , stordimento, mal di testa e problemi di sonno – quindi può essere difficile comprendere che cosa ci stia dicendo il nostro corpo. Questi problemi, però, tendono a manifestarsi solo se la quota è davvero elevata o se hai deciso di fare attività fisica, come una lunga camminata con un dislivello importante.

A quale altitudine può andare una donna incinta?

Una donna incinta può andare in montagna e raggiungere, se non ci sono complicazioni, un’altitudine massima di 2000 metri. E’ comunque preferibile soggiornare in località con un’altitudine tra i 1.200 e i 1.600 metri, ma nessuno vieta di fare un’escursione a quote un po’ più elevate, se si è allenati e non ci sono problemi pressori.

I rischi

Non esistono rischi legati alle vacanze in montagna in gravidanza se la gestazione è fisiologica. Possono però subentrare una serie di fastidi per un’eccessiva altitudine o una particolare sensibilità alla quota, noti come mal di montagna, che tendono ad allarmare la mamma, che potrebbe faticare a distinguere un disturbo dovuto alla dolce attesa dal fastidio di essere in montagna.

Inoltre, superare i 1.500/1.600 metri, in caso di predisposizione ad alcuni problemi, come ipertensione,  o durante l’ultimo trimestre potrebbe:

  • Favorire il rialzo della pressione
  • Favorire la contrattilità uterina
  • Aumentare i disturbi di nausea e vomito
  • Rendere la mamma più irritabile
  • Disturbare il sonno

Come si riconosce il mal di montagna

Probabilmente abbiamo avuto esperienza di mal di mare o di mal d’auto, ma non di mal di montagna. In realtà è molto più frequente di quanto non si creda e i sintomi tendono a comparire entro 12 ore quando si superano i 2000 metri. Come anticipato, alcuni sintomi sono simili a classici disturbi della gravidanza:

  • mal di testa, a causa della minor concentrazione di ossigeno
  • nausea
  • insonnia
  • irritabilità
  • apatia e stanchezza eccessiva
  • edema polmonare e periferico (sebbene siano più rari)
  • iperventilazione
vacanze neve gravidanza

Consigli per andare in montagna in sicurezza

La gravidanza non è quindi il momento per imitare Messner, soprattutto se non siamo adeguatamente allenate. Possiamo però recarci in villeggiatura, dopo aver chiesto il parere al nostro curante, tra i 1000 e i 1600 metri senza particolari preoccupazione e qui fare delle passeggiate non faticose, mantenendo possibilmente la quota. É poi importante:

  • Bere acqua
  • Proteggere adeguatamente la pelle dal sole (pancia sempre coperta)
  • Non assumere farmaci contro il mal di montagna a base di sulfamidici nel primo e nel terzo trimestre (o comunque sempre sotto stretto controllo medico)
  • Non fare sforzi eccessivi

Quando andare in montagna è vietato in gravidanza

Andare in montagna in gravidanza è invece sconsigliato quando ci sono delle condizioni che possono mettere a rischio la salute della mamma e del bambino. É bene quindi prediligere altre mete in caso di:

  • pericolo di ictus o di altri disturbi della coagulazione
  • diabete
  • pressione alta
  • insufficienza cardiaca o altre patologie cardiovascolari

Gli unici a decretare in modo effettivo la fattibilità di un viaggio sono l'ostetrica o il ginecologo curante. In linea di massima comunque potremmo dire che sarebbe meglio evitare di superare i 2500 metri se ci sono rischi come una minaccia di aborto spontaneo, preeclampsia, placenta previa o feti con riduzione della crescita. E' inoltre buona norma evitare l’alta quota dopo la 20esima settimana in particolare in caso di: ipertensione, fattori di rischio per cardiopatie, preeclampsia, funzione placentare danneggiata, riduzione di crescita intrauterina, malattie polmonari o cardiache, anemia e fumo.

Le informazioni fornite su www.wamily.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra un paziente e il proprio medico.
Sfondo autopromo
Famiglia significa NOI
api url views