12 Febbraio 2024
13:30

In Calabria muoiono più del doppio dei neonati della Toscana. Il divario Nord-Sud è evidente dalla nascita

Come sottolineato dal rapporto Svimez-Save The Children, il divario tra Nord e Sud nelle condizioni di accesso al diritto alla salute è evidente fin dalla nascita. Negli ultimi anni sono in aumento le migrazioni sanitarie pediatriche: sempre più bambini e adolescenti sono costretti a spostarsi dal Mezzogiorno ai centri specialistici del Centro e del Nord per curarsi.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Wamily
8 condivisioni
In Calabria muoiono più del doppio dei neonati della Toscana. Il divario Nord-Sud è evidente dalla nascita
Immagine

In Calabria muoiono più del doppio dei neonati rispetto che in Toscana. Nonostante il Servizio Sanitario dell’Italia si distingua nel panorama mondiale come un’eccellenza per la cura dei più piccoli, il Belpaese continua a risentire del profondo divario tra Nord e Sud. Come evidenziato dal rapporto a cura di Svimez (Istituto specializzato in studi sul Mezzogiorno) e Save The Children, le discrepanze territoriali sono già chiare e nitide a partire dalla nascita.

Il tasso di mortalità infantile (cioè entro il primo anno di vita) è di 1,8 morti ogni 1000 nati vivi in Toscana, mentre è quasi doppio in Sicilia (3,3) e più che doppio in Calabria, dove si registrano 3,9 decessi su un migliaio di nati vivi. Come riporta il rapporto “Un paese, due cure. I divari Nord – Sud nel diritto alla salute”, già prima della pandemia il numero dei consultori familiari era diminuito, determinando un’ulteriore perdita di presidi territoriali di prossimità essenziali per il sostegno della salute e del benessere di mamma e figli.

«La condizione di povertà familiare incide fortemente sui percorsi di prevenzione e sull’accesso alle cure da parte dei bambini – ha commentato Raffaela Milano, responsabile dei Programmi Italia – Europa di Save the Children –. È necessario un impegno delle istituzioni a tutti i livelli per assicurare una rete di servizi di prevenzione e cura per l’infanzia e l’adolescenza all’altezza delle necessità, con un investimento mirato nelle aree più deprivate».

Un terzo degli under 14 si sposta dal Sud al Centro o Nord per curarsi

La speranza di vita alla nascita per i cittadini del Sud Italia è di 81,7 anni, quindi 1,3 anni in meno rispetto al Centro Italia e al Nord-Ovest e 1,5 rispetto al Nord-Est. Nel Meridione l’8% delle famiglie sono in povertà sanitaria (il doppio rispetto al 4% del Nord-Est), cioè non dispongono di disponibilità economiche sufficienti per curarsi e sottoporsi a terapie e accertamenti.

Le disuguaglianze nelle condizioni di accesso al diritto alla salute si traducono nella cosiddetta migrazione sanitaria. Sono migliaia le famiglie che ogni anno si spostano dalle Regioni del Sud a quelle del Nord per curarsi. A questo proposito, il rapporto evidenzia un aumento delle migrazioni sanitarie pediatriche dal Mezzogiorno. L'indice di fuga (cioè il numero di pazienti pediatrici che raggiungono una Regione diversa da quella di residenza per ricevere assistenza sanitaria) si attesta all'8,7% a livello nazionale, con picchi del 43,4% in Molise, 30,8% in Basilicata, 26,8% in Umbria e 23,6% in Calabria (contro il 3,4% del Lazio).

In sostanza, un terzo dei bambini e degli adolescenti si mettono in viaggio dal Sud per ricevere cure per disturbi mentali o neurologici, della nutrizione o del metabolismo nelle strutture sanitarie del Centro e del Nord. Le città più gettonate, sede di noti centri specialistici per i minori in età pediatrica, sono Roma, Genova e Firenze.

«Occorre conoscere e superare i divari territoriali che oggi condizionano l’accesso ad un Servizio Sanitario che rischia di essere “nazionale” solo sulla carta – ha continuato Milano –. È un investimento da mettere al centro dell’agenda della politica».

L’autonomia differenziata in discussione in Parlamento, come sottolinea l’Istituto Svimez, rischia di inasprire ulteriormente le disuguaglianze a livello territoriale nelle condizioni di accesso al diritto alla salute, in un contesto in cui 1,6 milioni di famiglie, delle quali 700mila al Sud, sono in povertà sanitaria.

Avatar utente
Rachele Turina
Redattrice
Nata a Mantova, sono laureata in Lettere e specializzata in Filologia. Antichità e scrittura sono le mie passioni, che ho conciliato a Roma, dove ho seguito un Master in Giornalismo concedendomi passeggiate fra i resti romani (e abbondanti carbonare). Il lavoro mi ha riportato nella Terra della Polenta, dove ho lavorato nella cronaca e nella comunicazione politica. Dall’alto del mio metro e 60, oggi scrivo di famiglie, con l’obiettivo di fotografare la realtà, sdoganare i tabù e rendere comodo quel che è ancora scomodo. Impazzisco per il sushi, il numero sette e le persone vere.
Sfondo autopromo
Famiglia significa NOI
api url views